Arginare l’ansia

Un soggetto risulta stressato quando le richieste provenienti dall’esterno, secondo la sua percezione personale, superano le risorse a sua disposizione per reagire. Tutto ciò è legato alla sua percezione di carico o sovraccarico.

L’ansia è una sensazione d’incertezza nei confronti del futuro e dell’ignoto che causa prevalentemente sensazioni spiacevoli.

L’ansia può essere rappresentata attraverso questa formula: Ansia = R x (OA – AU) dove:

  • R = coefficiente di rischio percepito
  • OA = importanza attribuita alle opinioni e ai giudizi degli altri
  • AU = autostima

Alcuni utili consigli per limitare l’ansia possono essere:

  • diminuire il coefficiente di rischio percepito (R): il rischio percepito da una persona varia a seconda della percezione soggettiva di ciascuna persona, dipende esclusivamente da noi. Per molti non avere la sicurezza di un posto a tempo indeterminato viene percepita come un rischio molto alto mentre per altri non conta assolutamente nulla. Consiglio di partire dalla logica che l’unica cosa importante è la salute, a tutte le altre decisioni è sempre possibile rimediar. Un’eccessiva percezione del rischio rischia di immobilizzare le persone e di non farle agire; ciò non significa agire senza alcuna prudenza naturalmente;
  • diminuire l’importanza che attribuiamo alle opinioni e ai giudizi degli altri (OA): maggiore è  l’importanza data alle opinioni e ai giudizi (positivi o negativi) altrui, maggiore è il rischio di collegare la nostra felicità al fatto di piacere o meno altri e di agire, di conseguenza, facendo ciò che loro vogliono . Le opinioni che gli altri hanno di noi  sono  sì importanti e utili come stimoli per valutare con attenzione le decisioni da prendere ma è indispensabile mantenere il controllo delle proprie scelte;
  • aumentare la nostra autostima (AU): nessuno al mondo è perfetto, ma ognuno di noi possiede tantissime qualità positive che dobbiamo ammettere di possedere e valorizzare. Non dobbiamo battere gli altri o essere migliori di loro, semmai possiamo sempre migliorare noi stessi. La gara deve essere contro noi stessi, i nostri limiti sono gli avversai da battere per migliorare ogni giorno.

L’ansia causa maggiore preoccupazione per il pensiero di dover fare qualche cosa, rispetto all’azione stessa. L’atteggiamento migliore è quello di vivere bene il presente portando a termine  nel miglior modo possibile il lavoro odierno. Per combattere l’ansia è necessario porsi delle domande:

  1. rimpiango il mio passato?
  2.  la mattina mi alzo entusiasta di avere a disposizione un’intera giornata da vivere?
  3. la sera sono soddisfatto e contento della giornata appena trascorsa?
  4. il futuro mi preoccupa o lo vivo con tranquillità, come una grande opportunità da cogliere passo dopo passo?

Quando siamo eccessivamente preoccupati di ciò che potrà accadere a causa delle nostre decisioni è impossibile affrontare con serenità le nostre scelte. Se siamo disposti ad affrontare anche il peggio di ciò che ci può accadere ( in ogni caso la probabilità che accada è minima) non abbiamo più nulla da perdere e di conseguenza possiamo solo guadagnarci:

  1. valutiamo sempre il peggio che può accadere a causa di ogni nostra decisione;
  2. siamo disposti ad accettare anche un eventuale fallimento?
  3. se la risposta è sì diamoci da fare per fare in modo che il fallimento non si verifichi.Il 99% delle cose che causano ansia non accadranno mai. Potremmo eliminare gran parte dell’ansia  se analizzassimo con razionalità le probabilità che un fatto avvenga. Quasi tutte le nostre incertezze e paure riguardo al futuro derivano dalla nostra immaginazione e non da fatti e dati reali.

Per maggiori informazioni visita il nostro sito www.olympos.it

o contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *