Gestire il tempo relazionale

Veniamo contattati o contattiamo costantemente  decine di interlocutori diversi, dedicando loro ore del nostro tempo: Clienti, colleghi, partner, superiori, amministrazione pubblica, fornitori,…

Il tempo trascorso con i diversi interlocutori al telefono, in colloqui interpersonali, nel gestire la posta elettronica, durante le riunioni, rischia, se non gestito correttamente, di dilatarsi eccessivamente  e di distoglierci dalle nostre reali priorità d’azione, mettendo a rischio la nostra efficienza ed efficacia lavorativa:

  •  quanto del nostro tempo lavorativo è dedicato alla gestione delle relazioni interpersonali?
  •  quanto tempo ci rimane a disposizione per altre attività?
  • nella gestione delle relazioni interpersonali tendo a perdere
    tempo prezioso?
  •  gestiamo in modo equilibrato il tempo  dedicato alle relazioni interpersonali
    rispetto a quello dedicato ad altre attività per noi importanti?


Se abbiamo il minimo dubbio che il tempo che dedichiamo alle richieste di alcuni dei nostri interlocutori superi  i benefici che guadagniamo da questi , significa che è necessario correre ai ripari.
Nella gestione delle comunicazioni interpersonali occorre abituarsi a essere sintetici, arrivando subito al dunque senza divagare troppo. La sintesi aiuta tra l’altro a migliorare la chiarezza del nostro messaggio. Per essere chiari, infatti, è necessario riuscire a dire tutto con il minor numero di parole possibili. Meno parole utilizziamo meno difficile e complesso sarà il processo di ricezione e decodifica dell’interlocutore.
Per
risparmiare molto tempo è utile condividere con i propri interlocutori il tempo a disposizione costringendo entrambi a rispettarlo. Per esempio nelle riunioni, nei colloqui di lavoro, in una telefonata complessa.

 

Per ulteriori informazioni visita il nostro sito www.olympos.it

oppure contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *