Un aneddoto molto noto: il boscaiolo

Nel suo libro “I sette pilastri del successo” Stephen R.Covey  scrive:
«Supponiamo che in un bosco vi imbattiate in un uomo intento febbrilmente a segare un albero.
“Che cosa state facendo?” chiedete.
“Non vede?” è la secca risposta. “Sto segando questo albero.”
“Ma lei sembra sfinito!” esclamate. “Da quanto tempo ci lavora?”
“Più di cinque ore”, risponde quello, “e non ne posso proprio più. È un lavoro massacrante.”
“Be’, perché non smette per qualche minuto e dà una bella affilata a quella sega?” suggerite. “Sono sicuro che funzionerebbe molto più alla svelta.”
“Non ho tempo per affilare la sega, io.” Risponde l’uomo in tono irritato. “Sono troppo occupato a segare….».
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Il ciclo di apprendimento nell’outdoor training

Il modello di apprendimento cui facciamo riferimento è quello basato sull’esperienza. Apprendimento cioè non solo basato sui momenti di descrizione di concetti in aula ma che parte da esperienze pratiche, coinvolgenti a livello emotivo e cognitivo, seguite da una riflessione sulle azioni svolte (debriefing) per giungere a punti di apprendimento (learning point) utilizzabili in ambito lavorativo.
Le esperienze pratiche: le attività svolte sono delle metafore di reali situazioni lavorative, nelle quali bisogna gestire risorse limitate, scadenze pressanti, personalità diverse, motivazioni di segno e livello differenti.
I debriefing: ogni esperienza è seguita da una sessione di analisi facilitata dal trainer. I partecipanti sono spinti a riconoscere i fattori critici di successo di un gruppo sia a livello operativo che a livello emozionale.
I punti di apprendimento: ogni debriefing si conclude con la sintesi di alcuni punti di apprendimento da applicare nel progetto successivo ed in ambito lavorativo.
Pubblicato in apprendimento, ciclo di apprendimento | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento