12 consigli per combattere lo stress

Tratto dal libro “Più risultati in meno tempo: come migliorare la gestione delle proprie attività lavorative” di Gianluca Gambirasio, FrancoAngeli, 2007

Una volta presa consapevolezza della situazione di stress negativo, ciò che si può fare è intervenire direttamente sugli eventi stressanti riducendoli e/o interpretandoli in modo differente:

  1. dare il giusto valore alle cose: il lavoro è sicuramente da prendere sul serio ma nella nostra vita ci sono altri valori (la famiglia, la salute, l’amicizia…) che sono infinitamente più importanti e che già da soli ci rendono delle persone fortunate e realmente ricche;
  2. utilizzare un periodo di pianificazione efficace può far risparmiare di tre o quattro volte il tempo di esecuzione delle attività. Lo stress e l’ansia spesso sono causati da tutte quelle cose che non abbiamo ancora fatto. È importante prefiggersi obiettivi ambiziosi ma nello stesso tempo realistici e raggiungibili;
  3. evitare di concentrare troppi cambiamenti importanti in un breve lasso di tempo;
  4. non pretendere l’impossibile da se stessi e sapersi perdonare gli errori che sempre e comunque continueremo a commettere;
  5. modificare il proprio stile di vita: praticare sport, seguire un’alimentazione equilibrata, concedersi degli svaghi, prendersi il tempo per elaborare gli avvenimenti, non “correre” sempre;
  6. modificare gli schemi di pensiero intervenendo a livello cognitivo sul significato che diamo alle nostre esperienze. Cogliere e trarre giovamento dagli aspetti positivi degli accadimenti e minimizzare il reale peso di quelli negativi;
  7. cercare di semplificare le situazioni il più possibile. Guardare i progetti ambizioni come a una serie di gradini da salire un passo alla volta;
  8. sforzarsi di comunicare i propri dubbi e sentimenti alle persone più vicine, familiari, amici e colleghi per poter contare sul loro sostegno;
  9. ridere. Cercare situazioni divertenti e la compagnia di gente spiritosa e che ci fa’ stare bene evitando invece le persone che ci assorbono energia o che ci trasmettono negatività;
  10. imparare a dire di no, se non si ha tempo o voglia;
  11. evitare di lavorare troppe ore senza concedersi pause;
  12. vivere nel presente. Sforzarsi di non passare il tempo a rimpiangere le decisioni prese nel passato e/o a preoccuparsi eccessivamente del futuro. Chi riesce a dominare lo stress ha perfezionato l’arte del vivere nel presente.

SUGGERIMENTI PER IL POSIZIONAMENTO DI UN SITO NEI MOTORI DI RICERCA: COME MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO DI UN SITO

SUGGERIMENTI PER IL POSIZIONAMENTO DI UN SITO NEI MOTORI DI RICERCA: COME MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO DI UN SITO

Le immagini e le animazioni non servono a nulla per posizionare un sito. Il testo (cosa e come vengono scritte le pagine) è al contrario fondamentale.

Ogni singola pagina deve essere scritta per posizionare poche parole chiave (1-2-max 3): es. formazione manageriale.

Le parole chiave devono possibilmente:
– essere anche il nome del file utilizzando l’underscore tra una parola e l’altra: es. formazione_manageriale.html;
– essere riportate anche all’interno della pagina come titolo scrivendo con un carattere più grande del testo ed in grassetto: es. Formazione manageriale;
– ripetere più volte nella pagina le parole chiave per aumentarne la densità (senza esagerare in quanto devono essere anche piacevoli da leggere) e possibilmente in grassetto;
– le parole chiave devono essere utilizzate anche per nominare i file di immagine: es. formazione_manageriale.jpg e nel testo da far comparire qualora l’immagine non sia visualizzata;
– utilizzare le parole chiave più importanti anche nelle barre di navigazione (non utilizzare bottoni immagine, ma bottoni con testo).

Mettere nel sito pochi link verso siti esterni. Se si mettono link verso altri siti chiedere che anche l’altro sito faccia altrettanto. Nell’effettuare lo scambio link, il link deve essere scritto nel seguente modo: http://www.olympos.it (non serve a nulla che venga messo solo come collegamento in un’immagine…).

Inserire i meta tag in ogni pagina utilizzando sempre le parole chiave:
– Title: è quello che appare in alto nel Browser (es. Formazione manageriale)
– Description: è il testo che appare in Google (es. La formazione manageriale: Olympos Group srl società di formazione manageriale)
– Keyword: sono le poche parole chiave per cui si vuole posizionare la pagina (es. formazione manageriale, formazione, manageriale)

Creare un data base dei siti gratuiti a cui è possibile inviare gratuitamente comunicati stampa. Registrarsi ed inviare periodicamente dei comunicati stampa con link al sito. Verificare su Google quelli che sono più efficaci per il posizionamento nella prima pagina di Google.

Attivare una campagna pubblicitaria con Google Adwords.

Modificare e pubblicare spesso i contenuti delle pagine del sito (anche con piccoli cambiamenti) ed aggiungere nuove pagine.

Chiedere l’inserimento manualmente nei principali motori di ricerca (es. Google, Yahoo, MSN) ed avvalendosi anche di siti come www.submission.it per indicizzare il sito anche il quelli minori.

E’ fondamentale ottenere il maggior numero possibile di link al proprio sito. Quelli più importanti sono quelli che provengono da siti che parlano di temi simili a quelli del nostro sito. Per ottenere link si possono inviare messaggi in forum, blog, comunicati stampa, ecc.