Uno dei miei figli è un grande ottimista!

Nei corsi di formazione aziendale sulla comunicazione e/o sulla vendita, spesso ci si sofferma sull’importanza di comunicare al Cliente utilizzando una forma positiva e non negativa.

Dire ad un Cliente “Non possiamo consegnarle la merce domani mattina” ha sicuramente un impatto diverso rispetto a dire “Al più tardi le consegneremo la merce entro 48 ore”.

Così come dire “Non posso farle uno sconto del 10%” rispetto a “Posso farle uno sconto del 5%”.

Oppure “Non abbiamo le cravatte blu” rispetto a “Abbiamo le cravatte azzurre e celesti”.

Ieri sera un collega ha chiesto ad uno dei miei tre figli (frequenta la prima elementare): “Cosa ti piace di più della scuola?” “Quando torno a casa…”. Ho un figlio ottimista e positivo!!!

4 consigli per sviluppare un atteggiamento positivo

Come mantenere anche in una giornata “nera”, un atteggiamento positivo?

E’ una questione di esercizio, la visione positiva non è la soluzione ai problemi e alle difficoltà che si hanno, è piuttosto un’utilissima modalità di approccio. Qualche piccolo accorgimento:
  1. cominciare sempre la giornata pensando agli aspetti positivi del proprio lavoro;
  2. focalizzarsi sul lato positivo delle cose e sulle attività che permettono di riprendere un giusto senso delle proporzioni;
  3. evitare le persone litigiose e le situazione di scontro;
  4. trasmettere agli altri le proprie sensazioni positive quando tutto va bene: l’atteggiamento si assorbe, non si insegna.