Karl Unterkircher

montagne

1. Completa questa frase: Per me la montagna è…

Karl Unterkircher - Un luogo speciale, diverso dagli altri. Un luogo dove in un tempo ristretto vivo profondamente diversi e molteplici sentimenti - spesso anche di sofferenza, di ansia, di paura - che però finiscono sempre in una infinita gioia. Che mi permette di trovare la mia vera identità.

2. Descrivi le caratteristiche e le doti che contraddistinguono un forte alpinista?

Karl Unterkircher - Un forte alpinista è fisicamente allenato, modesto di carattere e conosce bene le sue doti e i suoi limiti.

3. Cosa è importante fare per prepararsi al meglio ad un’ascensione alpinistica?

Karl Unterkircher - La mente è il motore ed il fisico la carrozzeria, entrambi devono lavorare in sintonia. Quindi bisogna essere concentrati e convinti, allenati e riposati. Poi è l’esperienza che ti insegna la tecnica e metodologia delle diverse ascensioni.

4. Quali sono i pro e quali i contro di salire le montagne in solitaria invece che insieme ad altri alpinisti?

Karl Unterkircher - I vantaggi della solitaria sono che ci si lascia andare a se stessi, solo il suono del silenzio ti accompagna. Il controllo concentrato di ogni singolo movimento ti fa provare delle emozioni di grande soddisfazione. Il lato negativo è che il pericolo è sempre in agguato; ogni volta parti per ritornare, ma non sai mai con certezza se ritorni.

5. Quali emozioni provi nel raggiungere una vetta?

Karl Unterkircher - Il raggiungimento di una vetta è un emozione indescrivibile. É la fine di enormi affaticamenti fisici e psicologici; il traguardo di un sogno iniziato giorni, mesi o anni prima, il giorno in cui “Lei”, la cima, è entrata ed è rimasta insistente nella mia mente. Forse non esiste ancora il nome esatto di questo sentimento di libertà assoluta, che provo in vetta. Ogni volta guardandomi attorno riesco a percepire quanto sono minuscolo su questo pianeta, e allo stesso tempo divento consapevole della mia veramente “importante” presenza al mondo. Un mondo che però andrà avanti anche senza di me.

6. Cosa provi e come reagisci dovendo rinunciare invece ad una vetta?

Karl Unterkircher - Se continuo a scalare è perché a volte ho saputo rinunciare. La delusione viene premiata dalla saggezza.

7. Cosa significa per te avere successo?

Karl Unterkircher - Il successo mi aiuta a continuare… mi obbliga a continuare…

20

+

anni di esperienza

50

+

formatori aziendali

250

+

corsi e team building

500

+

aziende Clienti

15000

+

partecipanti