Se non ci riesci su LinkedIn® prova a convertire il prospect in altri modi

Corso di formazione

Accedi online a tutti i materiali didattici dei corsi di formazione, ai videocorsi e/o partecipa ai corsi online.

Se non ci riesci su LinkedIn® prova a convertire il prospect in altri modi

Non esistono magie o trucchi in grado di portarti al successo immediato. Il successo si ottiene col tempo, con energia e determinazione. Darren Rowse

Molte volte capita che nonostante tutti gli sforzi fatti il nostro potenziale Cliente non ne voglia sapere di risponderci.

Chiunque abbia svolto attività commerciale sa benissimo che questa è un’opzione che si presenta abbastanza di frequente.

Quando capita una situazione di questo genere ci troviamo davanti a due strade:

• rinunciare e focalizzarci su altri potenziali Clienti, ben sapendo che esistono tantissime opportunità commerciali da andare a prendere;
• provare a contattare il nostro potenziale Cliente in altro modo sfruttando LinkedIn® come una fonte dati dalla quale ricavare importanti informazioni

Se il punto uno non necessità di ulteriori spiegazioni sicuramente per quanto riguarda il punto due è necessario approfondire il discorso.

Premesso che lasciamo alla sensibilità di ognuno scegliere quando sia il caso di fermarsi o di proseguire; quello che invece vogliamo dire è che LinkedIn® ci offre una serie di informazioni che possiamo sfruttare per provare comunque a contattare il nostro potenziale Cliente. Per prima cosa dal suo profilo abbiamo già capito il ruolo che ricopre, da quanto tempo, le sue esperienze lavorative e l’azienda per cui lavora (elementi molto utili).

Prima di LinkedIn® chiunque abbia mai fatto attività di telemarketing sa benissimo la difficoltà che esisteva anche soltanto per individuare chi fosse l’interlocutore in azienda. Quindi con nome dell’azienda e nome dell’interlocutore possiamo contattare il centralino dell’azienda ed entrare in contatto con lui.

Ma ricordiamoci che molte volte le persone inseriscono nel loro profilo in forma pubblica anche il loro indirizzo e-mail e il loro numero mobile tra le informazioni di contatto, quindi possiamo provare ad utilizzare questi dati per entrare in contatto con lui.

Informazioni di contatto

Potrà capitare anche di trovare prospect diffidenti nell’accettare nuove richieste di collegamento in particolare se inviate da profili che hanno a che fare con il mondo della vendita. LinkedIn® ci offre una freccia in più da poter utilizzare con questo genere di figure in quanto ci mette a disposizione In-Mail per poter scrivere anche a persone al di fuori del nostro network di contatti. Il nostro consiglio è quello di utilizzare la tecnica delle 3 R anche nella composizione delle In-Mail.

Puoi acquistare dei crediti In-Mail oppure se hai sottoscritto un abbonamento Premium hai di default un numero di In-Mail da poter utilizzare. Rimane inteso quanto detto in precedenza non è mai bello inviare una proposta di vendita ad un potenziale Cliente col quale non siamo ancora entrati in contatto, ecco perché consigliamo di utilizzare In-Mail più come rompi ghiaccio che come vero e proprio strumento di vendita.

20

+

anni di esperienza

50

+

formatori e consulenti aziendali senior

250

+

corsi in aula / online e team building a catalogo

500

+

aziende Clienti

15000

+

partecipanti