Il Paradosso

montagne

Accedi online a tutti i materiali didattici dei corsi di formazione, ai videocorsi e/o partecipa ai corsi online.

Il Paradosso

Il paradosso – il cui significato etimologico in greco è “contro l’opinione” – è un rovesciamento iperbolico della realtà – un pensiero che “va contro l’opinione comune” basata su una logica lineare, di causa-effetto.

E’ una verità acrobatica che cammina sulla fune di ragionamenti sequenziali come un funambolo circense che procede con i movimenti irregolari dell’ asta.

Il paradosso dell’attore di Denis Diderot è rimasto celebre nella letteratura teatrale: “Sono me stesso quando recito sul palcoscenico e attore nella vita”.

Sempre per rimanere in tema, Leburno, attore e maestro latino di recitazione, fece scrivere come epitaffio della sua tomba, la seguente iscrizione: “Sono morto tante volte, ma così, mai!”.

Una battuta paradossale che invece richiama l’attuale mondo delle negoziazioni impegnative: “Finalmente si intesero! Conclusero concordemente di essere nemici”.

Anche se nel linguaggio comune il termine paradosso è utilizzato come sinonimo di contraddizione, esso esprime in realtà sfumature umoristico-riflessive che vanno “oltre” – “para’” in greco – una semplice opposizione concettuale.

Un filo rosso tiene legati, umoristicamente parlando, il paradosso con il ribaltamento ovvero con la percezione del “mondo alla rovescia”.

Immaginiamo la scena in cui una persona, che cammina tranquillamente per strada, scivola sulla classica buccia di banana cadendo rovinosamente a terra generando molta più comicità che preoccupazione; oppure il Presidente di un franchising immobiliare – questa è storia vissuta – che inizia il suo intervento a conclusione di una convention con le seguenti parole:

“Mi dispiace molto essere qui…dopo aver perso tempo con gli interventi precedenti…”. Una serie di lapsus freudiani naturalmente, ma l’effetto tragicomico di questo public speaking è rimasto davvero memorabile.

Il mondo alla rovescia, dunque, o rovesciato con la seria intenzione di far ridere:

“La cosa più ingiusta della vita è come finisce.

Voglio dire:  la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo...

Cosa ottieni  alla fine? La morte.

Il Paradosso

 

Che significa! Che cos'è la morte? Una specie di bonus  per aver vissuto?

Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto  rovesciato.

Bisognerebbe iniziare morendo, così ci si leva il pensiero.

Poi,  in un ospizio dal quale si viene buttati fuori perché troppo giovani.

Ti  danno una gratifica e quindi cominci a lavorare per quaranta anni, fino a  che sarai sufficientemente giovane per goderti la pensione.

Seguono  feste, alcool, erba e il liceo.

Finalmente cominciano le elementari,  diventi bambino,giochi e non hai responsabilità, diventi un neonato, ritorni  nel ventre di tua madre, passi i tuoi ultimi nove mesi galleggiando e  finisci il tutto con un bel orgasmo!”

Woody Allen

L’umorismo è la risorsa che può aiutare il manager a sentirsi a proprio agio nell’affrontare i paradossi che caratterizzano il nostro tempo come ad esempio:
elaborare strategie e navigare a vista, guardare al futuro e lavorare sul contingente, agire con rapidità e riflettere con ponderazione, ricercare innovazione e scontrarsi con i vincoli di realtà, modificarsi e salvaguardare la propria identità, sapersi adattare e nel contempo anticipare i successivi cambiamenti.

E ancora: essere il Direttore Generale di una Banca e ritrovarsi sul palco della convention aziendale a far da spalla a Fiorello…

20

+

anni di esperienza

50

+

formatori e consulenti aziendali senior

250

+

corsi in aula / online e team building a catalogo

500

+

aziende Clienti

15000

+

partecipanti